Il Parto delle nuvole pesanti: il 15 settembre a Rossano, c’eravamo anche noi.

partoContinuano a fioccare le adesioni alla campagna di sensibilizzazione a seguito della manifestazione del 15 settembre alla stazione ferroviaria di Rossano, e delle presunte denunce annunciate qualche settimana fa sulla stampa.

Questa volta la solidarietà ed il messaggio di sostegno arrivano dal mondo della cultura, della musica popolare che affonda le radici sul nostro territorio e canta dei pregi e dei difetti della nostra meravigliosa terra, e per questo orgogliosamente ringraziamo il Parto delle Nuvole Pesanti, senza alcuna promessa: sabato scorso a Sibari la società civile di questo territorio ha dimostrato di non lasciarsi intimidire per una ragione estremamente semplice: quello che rivendichiamo è un diritto sacrosanto.

Di seguito il messaggio del gruppo:

“Il gruppo del Parto delle Nuvole Pesanti è vicino e solidale con i giovani calabresi denunciati lo scorso settembre per avere bloccato la linea ferroviaria jonica al solo scopo di difendere i già scarsi servizi pubblici!!

La gran parte del territorio calabrese è gestito in modo scellerato, politici e mafiosi hanno sfruttato e deturpato una splendida regione e sempre più si continua a tagliare servizi e mancare al dovere di una gestione sana del territorio!

Se da una parte siamo felici per la protesta e l’impegno di tanti giovani calabresi, siamo però molto preoccupati per le reazioni quasi esclusivamente repressive delle istituzioni.

La lotta non si fermerà, con la speranza che l’onesto impegno di questi giovani contagi sempre più cittadini e trovino nelle istituzioni aiuto e sostegno per la crescita civile e culturale che da troppo tempo tarda ad arrivare!!”

La lotta non si fermerà di certo, fino a quanto gli enti competenti non daranno ascolto alle ragioni del nostro territorio.

c'ero anch'io [logo]Il Comitato Promotore La presa del Treno Perduto

(Associazioni e Movimenti dello Ionio Calabrese)

info: trenoperduto@gmail.com

 

Pagina di riferimento: http://terraepopolo.noblogs.org/?page_id=374

This entry was posted in Infrastrutture. Bookmark the permalink.